Creme e vellutate sono ideali quando cala la temperatura, arrivano i primi freddi e si ha voglia di un piatto caldo, sano e gustoso.

Spesso confuse tra loro, creme e vellutate in realtà sono due pietanze diverse e possono essere alternative fantasiose ai più classici brodi, minestre e passati di verdura.

Cosa le distingue dalle zuppe tradizionali?

Creme e vellutate sono minestre a base di verdure, cremose e dense, meno acquose rispetto a quelle classiche.

Nella cucina francese di una volta la crema era realizzata con farina di riso o un passato di patate o legumi. La vellutata, invece, si preparava con besciamella, uova, panna o burro.

Oggi noi le preferiamo più leggere e digeribili ma conservano tutto il sapore e l’aspetto invitante delle loro cugine d’oltralpe.

Mentre la crema, in genere, si prepara con l’uso di una sola verdura principale, frullata e unita a latte o farina di riso, la vellutata è fatta di due o al massimo tre ortaggi. Meglio usare alimenti di stagione perché più gustosi di quelli surgelati.

Creme e vellutate: alcuni consigli utili

Per cucinare una vellutata tradizionale dovete scegliere due o tre verdure a piacere, tagliarle a pezzetti e riscaldarle in poco olio o burro. Cuocete il tutto per 15 minuti circa. Poi frullate usando un frullatore a immersione (o un robot da cucina) fino a realizzare una purea.

In un tegame mettete quindi 25 gr di burro e 25 gr di farina 00, e lasciate sciogliere a fiamma bassa. Una volta che il burro sarà stato assorbito, unite mezzo litro di brodo vegetale freddo. Cucinate per circa 10-15 minuti, finché non sarà denso.

Infine aggiungete il brodo alla purea di verdure e fate cuocere fino a rendere la vellutata corposa come piace a voi. Se volete, potete aggiungere panna, panna acida o yogurt intero.

La crema invece si ottiene tagliando a dadini l’ortaggio che avete scelto e riscaldandolo in una pentola con olio d’oliva o burro. Coprite la verdura con il brodo vegetale e regolate di sale e pepe. Fate cuocere per 15 minuti e poi aggiungete le patate o dei legumi lessati e fate cuocere per altri 5 minuti circa.

Levate dai fornelli e frullate con un frullatore a immersione e infine cucinate sul fuoco un’ultima volta per 5 minuti.

Se non avete pronti patate e legumi e avete pochissimo tempo, vi suggeriamo di unire alla crema della panna. Terminata la cottura, potete arricchire il vostro piatto con qualche cucchiaio di yogurt o altra panna.

In realtà creme e vellutate si prestano a moltissime ricette: sperimentare è la parola d’ordine! Provate ad accostare ingredienti nuovi e diversi e porterete a tavola nuovi sapori.

di Virna Cipriani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.