La ‘nduja calabrese, salame spalmabile nato come prodotto povero, è riuscita nel corso degli anni a farsi largo tra i vari alimenti della gastronomia italiana, tanto da essere particolarmente apprezzata anche all’estero. Ma a cosa è dovuto il successo di questo salame dalla consistenza morbida e cremosa? Quali sono le sue origine? E quali ricette è possibile realizzare? Scopriamolo assieme!

 ‘Nduja calabrese: un salame dal gusto inconfondibile

Realizzato con gli elementi di scarto grassi del maiale, come ad esempio coscia e sottopancia, questo salame spalmabile calabrese appare a prima vista di colore rosso intenso per via del peperoncino che conferisce a questo prodotto un sapore particolarmente piccante e deciso.

Di origini contadine, la ‘nduja calabrese è il risultato di una lunga lavorazione, dato che gli ingredienti vengono impastati a lungo finché non si ottiene un composto liscio che viene in seguito lasciato a riposo per ben 2 – 3 giorni, prima di essere insaccato nel budello e infine affumicato.

Con una stagionatura che dura circa 3 mesi, questo salame spalmabile calabrese arriva sulle tavole degli italiani, e non solo, particolarmente morbido e senza rischio di seccarsi.

L’uso della ‘nduja in cucina

Dal sapore ineguagliabile e dal gusto piccante per via del peperoncino, con la sua consistenza morbida e cremosa, la ‘nduja calabrese si presenta come un prodotto particolarmente versatile e che per questo motivo può essere utilizzato per realizzare ricette di vario genere, in grado di soddisfare persino il palato dei più esigenti.

Da classico salume da accompagnamento di pane tostato e crostini, fino ad essere utilizzato come condimento per insaporire ulteriormente il sugo da aggiungere alla pasta, c’è solo l’imbarazzo della scelta.

In molti, ad esempio, utilizzano la ‘nduja calabrese per farcire la pizza, gli involtini o realizzare degli antipasti davvero originali.

Ritenuto un alimento afrodisiaco, per via del peperoncino, questo salame si presenta dunque particolarmente adatto per chi desidera realizzare dei gustosi piatti piccanti.

Alcune curiosità sulla ‘nduja calabrese

Considerato il simbolo della gastronomia calabrese, ancora oggi non sono ben chiare le origini di questo alimento dal sapore unico e inconfondibile. Secondo alcuni, la ‘nduja calabrese è stata introdotta in Calabria dagli Spagnoli intorno al ‘500, mentre altri ritengono sia stata opera dei Francesi durante il periodo napoleonico.

A prescindere da chi l’abbia ideata, la ‘nduja calabrese è diventata inevitabilmente, la regina della cucina calabra. Storicamente considerata un piatto povero, la n’duja calabrese è comunque riuscita a raggiungere le tavole di quasi tutto il pianeta e per questo motivo è possibile trovarla in commercio sotto varie forme in modo da soddisfare le esigenze di ogni tipo di clientela: dalla classica forma di salame insaccato a quella in vasetti, infatti, ognuno può mangiare la ‘nduja calabrese come e quando vuole.

di Veronica Caliandro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.